Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

R.Y.F. + OvO + God Of The Basement + Teresa Rossi | Digipur Night @Glue, Firenze – 11 novembre 2023

sabato 11 novembre 2023
R.Y.F. + OvO + God Of The Basement + Teresa Rossi | Digipur Night @Glue, Firenze

Aftershow DJ set: Outsiders

Ingresso gratuito riservato ai soci Glue/US Affrico
(con tessera annuale 2023-2024 di 15€)

Glue e Digipur presentano una serata che raduna quattro artisti accomunati dall’attitudine anticonvenzionale e dalla collaborazione con l’ufficio stampa Digipur, attivo da cinque anni. R.Y.F., sempre più in ascesa, e i leggendari OvO portano dal vivo per la prima volta a Firenze i loro rispettivi ultimi album, “Everything Burns” (Bronson Recordings) e “Ignoto” (Artoffact Records). In apertura, i “local anti-heroes” God Of The Basement e Teresa Rossi (Rooms by the Sea, adesso da solista) tornano sul palco del Glue con nuovi brani.

R.Y.F. è il progetto da solista di Francesca Morello, songwriter e chitarrista di base a Ravenna. R.Y.F. cerca di dare una voce a ogni diversità, alla comunità queer, alle persone non binarie e a tutte le creature favolose. R.Y.F. ha pubblicato il suo sovversivo e acclamato terzo album dark electro-punk “Everything Burns” per Bronson Recordings nel 2021, dal quale sono stati estratti vari singoli, aggiudicatosi il titolo di miglior disco italiano dell’anno su “Internazionale” e in grado di conquistare persino gli Skunk Anansie, che l’hanno voluta ad aprire i loro concerti nel nostro Paese. Nel 2022, sempre per Bronson Recordings, è uscita anche la sua colonna sonora originale per “Tutto Brucia”, il nuovo spettacolo della celebre compagnia teatrale Motus, che la vede coinvolta sul palcoscenico assieme a Silvia Calderoni e Stefania Tansini, con importanti riscontri di pubblico e critica. “A volte vorrei davvero bruciare un sacco di cose”, afferma Morello. “Brutte cose che appartengono a questo mondo, a questa società. Patriarcato, omofobia, transfobia, grassofobia, razzismo. Vorrei bruciare tutte le discriminazioni, affinché le persone siano più felici”.

Il duo italiano noise-rock OvO è al centro delle scene post-rock, industrial-sludge e avant-doom internazionali. La mentalità “da tour”, unita a etica DIY, approccio senza paura e polverizzanti spettacoli dal vivo, li ha resi impossibili da classificare, ma sempre pronti a materializzarsi nella tua città, come un’onnipresenza spettrale. Operativi a Ravenna, gli OvO sono stati fondati nel 2000 da Stefania Pedretti (?Alos, Allun) e Bruno Dorella (Ronin, Bachi da Pietra, Tiresia, GDG Modern Trio, Sigillum S). “Ignoto” è il loro nuovo e decimo album, dal sound maggiormente dilatato ed elettronico, pubblicato nel 2022 dall’etichetta canadese Artoffact Records. Una delle principali novità è rappresentata dai testi, in lingua italiana, dai quali emerge il lato più esoterico dell’immaginario di Pedretti. “Ignoto” riguarda tutto ciò che è sconosciuto e, più nello specifico, si riferisce a quello che è successo negli ultimi anni nel mondo e ai membri della band. Ma soprattutto “Ignoto” si riferisce a quello che ci aspetta in futuro. Pedretti e Dorella, assieme, hanno attraversato e segnato oltre un ventennio di musica rumorosa, con una forza che non è facile da spiegare, ma che diventa subito molto chiara in sede live. C’è della poesia dietro alla ferocia degli OvO. C’è amore dietro al loro nichilismo.

God Of The Basement, spesso abbreviato nell’acronimo GOTB, è un progetto heavy pop fiorentino formato da Tommaso Tiranno (voce), Enrico Giannini (chitarra e sampling), Rebecca Lena (basso e visual art) e Alessio Giusti (batteria). Un’esplosione di suono, tra groove serrati e melodie catchy, e immagine dalle atmosfere urbane, tremendamente attuali e maledettamente retro-futuristiche. “TUM”, “Loaded” e “Tale Of A Devil” sono i loro più recenti singoli synthrock-soul usciti per Stock-a Production. Questo è soltanto l’inizio di una nuova fase artistica ancora da svelare appieno che, dopo l’omonimo esordio del 2018 e l’eclettico “Bobby Is Dead” del 2021, condurrà prossimamente al terzo album di studio.

Teresa Rossi è una songwriter e chitarrista fiorentina, già alla guida della band alt folk-rock Rooms by the Sea, all’album d’esordio con “Rivers and Beds” nel 2022, ben accolto dalla stampa italiana, dopo la partecipazione a vari concorsi (Rock Contest, Arezzo Wave, Sound Bridge Music Contest del Festival delle Colline) e rassegne musicali (Passatelli in Bronson con Futura Rumore). Attualmente, sta lavorando al suo imminente repertorio da solista, sempre nel segno della doppia anima istintiva-emotiva delle canzoni e di una voce al contempo potente ed evocativa.

LINK EVENTO

ALTRE NEWS

FLeUR: il nuovo album “Caring About Something Utterly Useless” esce oggi 12 febbraio per Bosco Rec, con la produzione di Emilio Pozzolini dei port-royal

“La musica è in effetti inutile, specialmente quando non ha voci umane alle quali aggrapparsi, eppure ci teniamo tanto, alla musica, perché ci aiuta a… Leggi Tutto

Clever Square: “Beautiful Boy” è il nuovo singolo disponibile da oggi per Bronson Recordings

A quasi un anno esatto di distanza dal loro grande ritorno con l’album omonimo del 2019, i Clever Square pubblicano il nuovo singolo Beautiful Boy, disponibile su tutte… Leggi Tutto

Bruno Dorella: “Paradiso” è il nuovo singolo feat. Francesca Amati dal nuovo album per il progetto di gruppo nanou, in uscita il 25 novembre 2022

Bruno Dorella ci guida in Paradiso, il suo nuovo album da solista, contenente le musiche per l’omonimo progetto coreografico di gruppo nanou, in uscita in CD e digitale… Leggi Tutto