Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

Il post-jazz per post-umani dei Drone San nell’omonimo album d’esordio, disponibile in digitale per Horribly Loud Records

C’è un nuovo oggetto sonoro non identificato all’orizzonte. Il suo nome è Drone San, progetto dei musicisti e compositori Nicola Pedroni e Andrea Sanna, al primo album omonimo disponibile in digitale dal 14 gennaio 2022 su tutte le piattaforme digitali su etichetta Horribly Loud Records, da loro stessi fondata.

Drone San è un veicolo di musica elettronica “suonata”, con incursioni acustiche-elettroacustiche, che si lancia nell’orbita della scena post-jazz contemporanea. Questo è post-jazz per post-umani.

L’album Drone San è stato registrato in Sardegna, in prevalenza durante il periodo estivo, tra le pareti di uno studio, ma anche addentrandosi nel folto dei boschi e persino nelle profondità delle domus de janas, tipiche tombe preistoriche scavate nella roccia. Grandi Antichi e creature extraterrestri, l’ombra minacciosa di Cthulhu e le strane luci al di là del cielo emanate dagli UFO, vanno di pari passo nell’immaginario del duo, fortemente influenzato dalla fantascienza, in primis quella di H. P. Lovecraft, e da atmosfere post-apocalittiche non per questo prive di speranza.

L’orientamento sci-fi, unito all’interesse nei confronti degli anime, è evidenziato dall’eccezionale artwork nato grazie alla stretta collaborazione con l’illustratrice Yoshi Mari, che ha realizzato addirittura un silent book ispirato al disco stesso, a sua volta influenzato dai disegni in un nastro di Möbius sensoriale. Il concept del silent book, di prossima pubblicazione assieme alla versione in vinile dell’album, è ecologista, legato all’ambiente: l’astronave dei Drone San si trova infatti alle prese con un disperato viaggio interplanetario alla ricerca di possibili forme di vegetazione, purtroppo scomparse nel nostro mondo.

Attivi tra Cagliari e Firenze, incontratisi per caso in un jazz club, Pedroni (batteria, percussioni, synth) e Sanna (piano, tastiere, synth) hanno interamente composto, arrangiato ed eseguito il loro primo disco targato Drone San, miscela di improvvisazione radicale e vero e proprio lavoro di scrittura, di suoni strumentali analogici e digitali in un cortocircuito temporale tra ancestralità e futuro dagli avanzati mezzi tecnologici. I due si sono così avvalsi di batterie montate, tagliate e rimontate in layer con drum machine vintage, Fender Rhodes, software, oggetti come vecchi pianoforti, corde, molle e giocattoli amplificati con microfoni piezoelettrici o per l’appunto ripresi all’interno di suggestive location naturali.

Il sound design, l’avventurosa ed elaborata fase di processing e la successiva produzione sono state curate da Pedroni con il supporto artistico di Sanna. Le incisioni sono state effettuate da Nicola Vacca al Panda’s Studio di Lunamatrona (Sud Sardegna). Mix e master sono stati infine affidati a Lapo Grossi presso il Multiverso di Firenze.

Il primo singolo Ornamentalities, scuro e ossessivo, è caratterizzato da un beat dispari e pulsante. Il suo crescendo electro-sinfonico sfocia in territori da soundtrack, ovviamente per un ideale B-movie. Il relativo video astratto-alieno, creato a Los Angeles dal sound e media artist Kai-Luen Liang, è stato ottenuto tramite tecniche di manipolazione generativa. Il secondo singolo Snob Pineapple è invece funk come può essere funk una drum machine costantemente sincopata. Il video di animazione di Snob Pineapple è stato realizzato da Lucio Coppa, con il contributo della stessa Yoshi Mari: elementi appartenenti ad ananas alieni, volti androgini, alberi e città volanti si susseguono in un loop in perenne mutazione.

Nei sette brani di Drone San, i riferimenti comuni dei due musicisti si smembrano e si incontrano in maniera ravvicinata acquisendo tanto una sperimentale eleganza quanto una peculiare forza: dal jazz all’amore per l’universo delle colonne sonore (episodi come Baking Bread e Waltzer Matthau giocano a livello implicito con riferimenti alla sfera delle serie TV e del cinema), dal soul all’hip hop, dall’ambient all’IDM, sino a math rockpsichedelia cosmica e dub. La Cosa che ne risulta, sinuosa e ammaliante, si muove a passo cyber groove e spruzza nostalgia da ogni tentacolo, inglobando e rielaborando gli ascolti formativi di Battles, The Cinematic Orchestra, Tortoise e Boards Of Canada, tra gli altri. Drone San è un disco, sì, ma volante. Pericolo di abduzione!

ALTRE NEWS

Kety Fusco annuncia il suo tour italiano 2019

La musica classica incontra quella elettronica nel tour italiano dell’artista indipendente Kety Fusco. Tour che dal 5 al 19 gennaio la porterà a suonare a Firenze,… Leggi Tutto

Clever Square: il nuovo singolo “Mr. & Mrs. K” esce oggi 18 marzo, dal nuovo album “Secret Alliance” in arrivo il 29 aprile 2022 su Bronson Recordings

Giacomo D’Attorre, frontman dei Clever Square, ha attraversato un periodo di cambiamenti, sia con la sua band, completata da Francesco Lima, Andrea Ferriani e Andrea Napolitano, sia nella sua vita… Leggi Tutto

“Ukiyo”, il nuovo album dei Two Hicks One Cityman, è in anteprima streaming su SentireAscoltare

Ukiyo, il nuovo album dei Two Hicks One Cityman in uscita il 12 aprile per Nesc’i Dischi con distribuzione Goodfellas, è in anteprima streaming a partire da oggi,… Leggi Tutto