Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

“Terminal” è l’atteso album d’esordio dei submeet, in uscita il 24/01/2020 per Lady Sometimes Records. Da oggi fuori il primo singolo che dà titolo al disco con video in anteprima su SentireAscoltare

Il luogo a cui ci siamo ispirati è l’aeroporto. Non uno in particolare, ma l’immaginario di tutti gli elementi che compongono l’esperienza del viaggiare tramite il volo. L’aereo è il mezzo più veloce e comodo per muoversi, ma è anche quello in cui si è sottoposti a maggior controllo dell’identità“.

Per provare a captare i segnali di una società frenetica e senza via d’uscita, i submeet sono entrati in uno dei luoghi più rumorosi che esistano: il terminal di un aeroporto. È in quel luogo di passaggio e scambio, in quella frontiera ultima o prima a seconda del punto di vista, che nasce Terminal, il primo album in uscita in vinile e digitale il 24 gennaio 2020 su Lady Sometimes Records del trio mantovano composto da Zannunzio (Andrea Zanini), Andrea Guardabascio e Jacopo Rossi, la cui unica precedente prova discografica è l’omonimo EP del 2017.

Da allora molte cose sono cambiate. Il sound, anzitutto: dallo shoegaze delle origini i submeet sono passati a un ibrido di post-punk e noise dai riferimenti ben precisi. Negli ultimi anni la band mantovana ha suonato tantissimo, in Italia e all’estero (ricordiamo il recente tour in Francia e Svizzera), grazie al passaparola di colleghi musicisti e addetti ai lavori. E così alle date di supporto a Be Forest, Cosmetic, Soviet Soviet, Havah, ecc., si è aggiunta l’apertura ai Preoccupations lo scorso inverno al Covo di Bologna: sono stati gli stessi canadesi a volere i submeet.

In effetti, nella foga senza sconti di Terminal sono almeno due i punti di riferimento che possiamo citare: i Preoccupations, appunto, per il lato prettamente post-punk e il rumorismo sonico degli A Place To Bury Strangers. Ma lo stile dei submeet si spinge oltre: da clangori ieratici che esplodono in sfuriate fuori controllo – accade nella title track Terminal, scelta come singolo apripista fuori oggi 29 novembre 2019 con video realizzato da Zannunzio in anteprima su SentireAscoltare (qui) – agli approdi meno spigolosi di Nimby, sino ai bagliori frenetici di BGY, uno di cavalli dei battaglia dal vivo.

Importante per il sound di Terminal è stata la collaborazione in fase di produzione con Davide Chiari dei Tin Woodman (Centuries Reverb). Il master, infine, è stato affidato a Stefano Vanoni (Saturn Masters). Pronti all’imbarco.

ALTRE NEWS

7 febbraio: Be Forest a Radio Raheem

I Be Forest, nel giorno del loro concerto milanese al Circolo Ohibò, saranno ospiti in diretta a Radio Raheem, accompagnati da Enzo Baruffaldi, per parlare del… Leggi Tutto

Moonlogue: l’album d’esordio “Sail Under Nadir” uscirà il 3 luglio 2020, preceduto oggi dal terzo nuovo singolo “Rainyard” presentato su Nonsense Mag

La musica dei Moonlogue è in prevalenza strumentale ma “parla” all’ascoltatore con un linguaggio che fonde electro rock, post-rock, space rock, math rock e progressive, legandosi ad attualissimi temi… Leggi Tutto

God Of The Basement: “Never Made It To Hollywood”, in uscita oggi 28 maggio, è il nuovo singolo dall’album “Bobby Is Dead” in arrivo il 25 giugno 2021

Bobby Is Dead è un viaggio, una strana sorta di odissea blasfema. Bobby Is Dead è il secondo album heavy pop della band fiorentina God Of The Basement, in uscita in… Leggi Tutto