Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

“Terminal” è l’atteso album d’esordio dei submeet, in uscita il 24/01/2020 per Lady Sometimes Records. Da oggi fuori il primo singolo che dà titolo al disco con video in anteprima su SentireAscoltare

Il luogo a cui ci siamo ispirati è l’aeroporto. Non uno in particolare, ma l’immaginario di tutti gli elementi che compongono l’esperienza del viaggiare tramite il volo. L’aereo è il mezzo più veloce e comodo per muoversi, ma è anche quello in cui si è sottoposti a maggior controllo dell’identità“.

Per provare a captare i segnali di una società frenetica e senza via d’uscita, i submeet sono entrati in uno dei luoghi più rumorosi che esistano: il terminal di un aeroporto. È in quel luogo di passaggio e scambio, in quella frontiera ultima o prima a seconda del punto di vista, che nasce Terminal, il primo album in uscita in vinile e digitale il 24 gennaio 2020 su Lady Sometimes Records del trio mantovano composto da Zannunzio (Andrea Zanini), Andrea Guardabascio e Jacopo Rossi, la cui unica precedente prova discografica è l’omonimo EP del 2017.

Da allora molte cose sono cambiate. Il sound, anzitutto: dallo shoegaze delle origini i submeet sono passati a un ibrido di post-punk e noise dai riferimenti ben precisi. Negli ultimi anni la band mantovana ha suonato tantissimo, in Italia e all’estero (ricordiamo il recente tour in Francia e Svizzera), grazie al passaparola di colleghi musicisti e addetti ai lavori. E così alle date di supporto a Be Forest, Cosmetic, Soviet Soviet, Havah, ecc., si è aggiunta l’apertura ai Preoccupations lo scorso inverno al Covo di Bologna: sono stati gli stessi canadesi a volere i submeet.

In effetti, nella foga senza sconti di Terminal sono almeno due i punti di riferimento che possiamo citare: i Preoccupations, appunto, per il lato prettamente post-punk e il rumorismo sonico degli A Place To Bury Strangers. Ma lo stile dei submeet si spinge oltre: da clangori ieratici che esplodono in sfuriate fuori controllo – accade nella title track Terminal, scelta come singolo apripista fuori oggi 29 novembre 2019 con video realizzato da Zannunzio in anteprima su SentireAscoltare (qui) – agli approdi meno spigolosi di Nimby, sino ai bagliori frenetici di BGY, uno di cavalli dei battaglia dal vivo.

Importante per il sound di Terminal è stata la collaborazione in fase di produzione con Davide Chiari dei Tin Woodman (Centuries Reverb). Il master, infine, è stato affidato a Stefano Vanoni (Saturn Masters). Pronti all’imbarco.

ALTRE NEWS

Kety Fusco: live on Instagram

Kety Fusco, arpista italiana ma svizzera d’adozione, in poco tempo si è distinta in Europa per il suo linguaggio musicale che unisce gli studi classici… Leggi Tutto

L’esordio dei Pitchtorch su La Repubblica Firenze

L’album d’esordio dei Pitchtorch, in uscita venerdì 20 settembre, è raccontato da Fulvio Paloscia su La Repubblica Firenze di oggi, 16 settembre 2019. “[…] un’iride… Leggi Tutto

Moonlogue: il viaggio della band torinese inizia con il primo singolo “Estéban”, in uscita oggi 26 marzo 2020

La musica dei Moonlogue è strumentale, ma parla. Con un linguaggio che fonde electro rock, post-rock, space rock, math rock e progressive. Estéban, disponibile su… Leggi Tutto