Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

submeet: l’album d’esordio “Terminal” esce oggi per Lady Sometimes Records (con le prime date dal vivo)

Nell’epoca frammentaria in cui viviamo c’è qualcosa che ci unisce, e a cui non possiamo sfuggire: il rumore. Non solo quello della strada o dei locali affollati, colonna sonora della nostra quotidianità, ma anche quel brusio costante di sottofondo che veicola notizie e idee fino a renderci omologati, tutti rivolti nella stessa direzione. È il suono meno riconoscibile tra tutti i bombardamenti cui siamo sottoposti. Per provare a captare i segnali di una società frenetica e senza via d’uscita, i submeet sono entrati in uno dei luoghi più rumorosi che esistano: il terminal di un aeroporto, con le voci e le urla dei passeggeri che si sovrappongono al frastuono degli aerei che atterrano o decollano. È in quel luogo di passaggio e scambio, in quella frontiera ultima o prima a seconda del punto di vista, che nasce Terminal, il primo album in uscita in vinile e digitale oggi, 24 gennaio 2020, su Lady Sometimes Records del trio mantovano composto da Zannunzio (Andrea Zanini), Andrea Guardabascio e Jacopo Rossi, la cui unica precedente prova discografica è l’omonimo EP del 2017.

Da allora molte cose sono cambiate. Il sound, anzitutto: dallo shoegaze delle origini i submeet sono passati a un ibrido di post-punk e noise dai riferimenti ben precisi. Negli ultimi anni la band mantovana ha suonato tantissimo, in Italia e all’estero, grazie al passaparola di colleghi musicisti e addetti ai lavori. E così alle date di supporto a Be Forest, Cosmetic, Soviet Soviet, Havah, ecc., si è aggiunta l’apertura ai Preoccupations lo scorso inverno al Covo di Bologna: sono stati gli stessi canadesi a volere i submeet.

In effetti, nella foga senza sconti di Terminal sono almeno due i punti di riferimento che possiamo citare: i Preoccupations, appunto, per il lato prettamente post-punk e il rumorismo sonico degli A Place To Bury Strangers. Ma lo stile dei submeet si spinge oltre: da clangori ieratici che esplodono in sfuriate fuori controllo – accade nella title track Terminal, scelta come singolo apripista con video realizzato da Zannunzio – agli approdi meno spigolosi del secondo estratto Nimby, sino ai bagliori frenetici di BGY, uno di cavalli dei battaglia dal vivo. Senza rinunciare del tutto alla forma-canzone, il terzetto lombardo assembla brani spesso contraddistinti da subitanei cambi di tempo (Makkathronic e RA815 REV. 0 sono una grande prova di stile), schegge impazzite di noise-punk (Boelcke), latenti retaggi shoegaze (White Arms), cavalcate notturne in spazi urbani abbandonati (Capsule Hotel), incubi in stile Cronenberg di carne e metallo (la dilatata Audiodrome).

Importante per il sound di Terminal è stata la collaborazione in fase di produzione con Davide Chiari dei Tin Woodman (Centuries Reverb). Il master, infine, è stato affidato a Stefano Vanoni (Saturn Masters). Pronti all’imbarco.

Dal vivo
07/02/2020 – Carpi (MO), Kalinka
14/02/2020 – Roma, Klang
20/02/2020 – Parma, Splinter Club
20/03/2020 – Verona, Colorificio Kroen
04/04/2020 – Sermide (MN), Chinaski
10/04/2020 – Mantova, Arci Tom
e altre date in arrivo

ALTRE NEWS

Sunday Morning: il nuovo album, “Four”, e il nuovo tour

Dalla provincia di Cesena alla scena Americana. Partendo dal cuore pulsante degli Stati Uniti, dalla Louisiana, con lo sguardo rivolto lontano, alla West Coast. Registrato allo StoneBidge Recordings… Leggi Tutto

submeet: “Nosedive Session” è il nuovo EP live, disponibile da oggi per Lady Sometimes Records con i relativi video

Terminal, l’album d’esordio pubblicato il 24 gennaio 2020 su Lady Sometimes Records, ha acceso i riflettori sui submeet come una delle nuove realtà più rilevanti in ambito… Leggi Tutto

Adriano Zanni: il 21 marzo 2019 release party di “Ricordo quasi tutto” al Bronson di Ravenna

Adriano Zanni, In passato attivo con il moniker Punck, è un artista sonoro e un apprezzato fotografo del territorio romagnolo. Ha collaborato con varie etichette… Leggi Tutto