Ufficio stampa - Comunicazione - Music consultant & PR

“IN/OUT” è il nuovo disco dell’Orkestra Ristretta diretta da Massimo Altomare con la collaborazione di Tempo Reale, in uscita il 31 maggio 2021 per M.P. & Records

A Sollicciano, la Casa Circondariale alle porte di Firenze, esiste un gruppo di detenuti che fa musica. Si chiama Orkestra Ristretta.

Negli anni, i contatti con i musicisti che hanno partecipato ai laboratori tenuti dal noto centro di ricerca, produzione e didattica musicale fiorentino Tempo Reale e i contributi musicali dei detenuti membri dell’Orkestra hanno contaminato la produzione dell’ensemble, diretto da Massimo Altomare. Per celebrare questi incontri musicali sincretici tra “dentro” e “fuori”, Tempo Reale si è impegnato nella produzione di un concerto e in seguito del nuovo album IN/OUT, in uscita oggi 31 maggio 2021 in formato CD per l’etichetta M.P. & Records con distribuzione G.T. Music.

All’incisione, assieme ai detenuti e al direttore Altomare, hanno partecipato alcuni musicisti toscani e alcuni degli stessi collaboratori di Tempo Reale: Andrea GozziLorenzo LapiccirellaMichele LombardiFederico Pacini (Bandabardò), Stefano Rapicavoli (Zumtrio), il compositore Francesco Giomi (Zumtrio, direttore di Tempo Reale) e il coro CONfusion, gruppo vocale formato da immigrati, rifugiati e cittadini italiani.

Francesco Giomi e Loredana Terminio di Tempo Reale: “Rispondere a un momento critico con l’energia di un nuovo progetto, con la creatività che si mette in gioco insieme a tutte le forze trainanti che muovono Tempo Reale è una dichiarazione di resistenza. Abbiamo creduto in questo progetto discografico come, da anni, crediamo nell’importante e necessario lavoro di Massimo Altomare con i detenuti di Sollicciano. Nello spazio possibile e immaginario tra il ‘dentro’ e il “fuori’ che ha creato questo disco, siamo una comunità unita, siamo uguali e solidali, ci riconosciamo nella sola vera identità che ci riguarda: fare musica con gioia e passione“.

La musica, per i detenuti, è un modo per far sentire la propria voce. Dove lo spazio di dialogo è limitato, l’intensità emotiva è più alta e l’autenticità, seppur in una forma complessa, è risonante. Chi suona con i detenuti e ascolta ciò che hanno da dire è, secondo le parole di Altomare, “investito da una scossa elettrica impressionante, che ti tramortisce se non sei preparato”. Una scossa elettrica con cui bisogna imparare a interagire. In questo senso, la realizzazione di un progetto discografico con parti realizzate all’interno del carcere e parti realizzate al suo esterno, “dentro” e “fuori”, IN/OUT appunto, ha costituito uno “spazio immaginario” dove i detenuti hanno potuto amplificare e documentare un momento della propria vita. Ribadire la propria identità e raccontarsi, ma con molto più riverbero. Per non essere dimenticati.

Massimo Altomare: “La musica di Orkestra Ristretta è musica materica, fatta di carne e sangue, di sudore e lacrime, rabbia e amore disperato, voglia profonda di condividere e timore di essere incompresi o derisi. Caratterizzano i nostri pezzi, l’energia e l’urgenza di comunicare le emozioni compresse in un mondo chiuso da sbarre. In sostanza, si tratta di cantare e suonare per essere finalmente ascoltati con rispetto: non soltanto musicisti che hanno qualcosa da dire, ma esseri umani in grado di crearsi un nuovo destino“.

I detenuti cantano, alcuni suonano su traiettorie folk-pop-rock, con influenze soul e reggae, e altri rappano. Le lingue in cui si scrive sono sterminate. Il rap in carcere è il canto dell’anima. È la forma poetica della marginalità urbana. È un linguaggio che si impara a parlare e che valica confini geografici, etnici e sociali. In scaletta trovano spazio nove canzoni inedite e una cover del celebre brano country Ring Of Fire, portato al successo da Johnny Cash, un nome idealmente affine al progetto visto che omaggiò i detenuti del carcere di massima sicurezza di Folsom, in California, con il leggendario disco live At Folsom Prison.

La musica, in carcere, c’è da sempre. Le pareti e le recinzioni non possono arginarla. La musica può consolare, riempire dei vuoti, scacciare la noia e la paura, unire delle voci. Donne e uomini la portano con sé, ovunque, a volte senza saperlo, di sezione in sezione. “Tum tum tum”. Le dita di una ragazza tamburellano vecchi ritmi, in attesa. Una guardia penitenziaria che passa di lì introduce altra musica in altri corridoi, fischiettando un motivetto allegro che ha sentito alla radio. A volte accade molto di più… e la musica diventa una ragione di vita, una maniera per esistere ancora.

Orkestra Ristretta: Facebook – Instagram | Tempo Reale

Label: M.P. & Records  | Distribution: G.T. Music

 

Orkestra Ristretta/Tempo Reale e Massimo Altomare – credit: Matilde Lombardi

ALTRE NEWS

Be Forest: oggi, 8 marzo 2019, parte il tour negli U.S.A.

Inizia oggi, 8 marzo 2019, l’esteso U.S. Spring Tour ’19 dei Be Forest, dopo il successo dei primi concerti italiani, che riprenderanno il prossimo 11 aprile con appuntamenti a Palermo,… Leggi Tutto

?Alos e Xabier Iriondo: “Gelosia” è il secondo singolo tratto da “Coscienza di sé”, con un EP di remix in anteprima su Rockerilla e nuove date dal vivo

Gelosia è il secondo estratto da Coscienza di sé, il disco realizzato da ?Alos e Xabier Iriondo, dedicato interamente alla femminista anrchica Emma Goldman: “Considerando i numerosi casi… Leggi Tutto

Kety Fusco: da oggi il nuovo singolo “Medusah”

“Medusah è un viaggio sonoro che parte a Ovest e termina a Est. Inizia gentilmente e si conclude in maniera tesa e potente. Ti toglie il respiro e… Leggi Tutto