Tin Woodman

Tin Woodman è la band glam-pop d Brescia composta da Simone Ferrari (Simon Diamond), Davide Chiari (Dave The Wave) e ovviamente Tin Woodman, il robot arrivato dalla città top secret di Wautah per diventare una rockstar. "Tropicalia Woodie Resort", "Lovers", "Roverbot" e "Starship" sono i singoli tratti dal nuovo album "Songs For Eternal Lovers", in arrivo il 21 gennaio 2022 per Retro Vox Records dopo l'EP d'esordio "Metal Sexual Toy Boy" del 2017 e il primo album "Azkadellia" del 2018.

Songs For Eternal Lovers è il nuovo album dei Tin Woodman in uscita il 21 gennaio 2022 per Retro Vox Records, anticipato dal nuovo singolo Starship

Songs For Eternal Lovers è il nuovo album dei Tin Woodman in uscita il 21 gennaio 2022 per l’etichetta Retro Vox Records, in vinile e su tutte le piattaforme digitali, anticipato dai singoli Tropicalia Woodie ResortLoversRoverbot Starship, quest’ultimo disponibile in digitale dal 26 novembre 2021.

Le “canzoni per eterni amanti” contenute nel secondo album del progetto bresciano, formato da Simone Ferrari (Simon Diamond)Davide Chiari (Dave The Wave) e ovviamente Tin Woodman, il robot arrivato dalla città top secret di Wautah per diventare una rockstar, sono dodici cartucce indie pop-rock per un viaggio che esplode altrettanti colpi al cuore.

Eclettico negli spunti sonori, che guardano sia a capisaldi stilistici del passato sia a contaminazioni al cento per cento attuali, in un ritorno al futuro dai Beatles ai Run The Jewels, e tenace nel dare vita a melodie super appiccicose, Songs For Eternal Lovers nasconde un grande lavoro di songwriting, di arrangiamento e infine di “sintesi”. È infatti grazie a un lungo work in progress che l’album, a dispetto della sua compattezza, si è trasformato in una fucina di singoli come oggigiorno non se ne trovano più, una sorta di luna park retrofuturista all’interno del quale i Tin Woodman abbandonano in parte il loro lato vaporwave per incrementare la componente glam e raggiungere esiti inediti. Secondo i diretti interessati, “Mai come in questo caso l’empatia tra armonie e testi ha avuto modo di fuoriuscire dalle nostre canzoni. Abbiamo messo assieme numerose influenze ma abbiamo soprattuto sperimentato input personali, riconducibili soltanto a noi”.

Sul piano concettuale tutto ruota attorno all’amore e alle sue coinvolgenti sfumature di senso, ai suoi peccati, tormenti e meraviglie.  Songs For Eternal Lovers non è però un concept album nell’accezione più comune del termine. “Ci sono canzoni che parlano del pianeta Terra visto da un robot attraverso gli avvenimenti importanti dell’ultimo secolo, giochi di parole che utilizzano il legame con la pop culture anni 90, episodi che raccontano l’amore – quello forte e pieno di farfalle dei primi appuntamenti e quello che lotta contro le discriminazioni – fra baci e morsi di passione in un’odissea relazionale. Questo album è un’unica opera di dodici brani, un autentico vortice emotivo che non poteva essere frazionato”.

Sulla calda spinta di corde acustiche ed elettriche, il nuovo singolo Starship è un trip caleidoscopico per anime indomite, quelle che più riescono a vedere lontano, persino tra le stelle, e allo stesso tempo rappresenta il punto cardine dell’intero album in quanto pura espressione di “amore eterno” per gli “eterni amanti”, a partire dagli amanti delle avventure, delle isole che forse (non) ci sono. La serenità tipica delle rock band inglesi attive nei primi anni 70, dai Soft Machine in giù, subisce una metamorfosi proiettandosi in un’ambientazione interplanetaria, in linea attitudinale con Spacemen 3 o Mercury Rev. “Il brano parla dell’incessante ripartenza dell’uomo verso continenti nuovi o addirittura inesplorati. Dell’intraprendere un viaggio stravolgente, tanto da morire per rinascere in un altro mondo, disfare gli equilibri per istituirli da capo in una dimensione distante. Una specie di epitaffio in cui l’entità narrante abbandona ogni cosa che possiede, lanciandosi senza paura verso l’ignoto“.

Il videoclip di Starship è diretto da Marco Jeannin: “Il nuovo video è un grande salto all’interno dell’astronave Tin Woodman. Un’astronave al cui interno Dave The Wave si trova di fronte al suo passato, al suo presente e, perché no, al suo futuro. Anche contemporaneamente. Superato un portale immerso in un bosco senza luce, Dave The Wave – sotto l’occhio vigile di Simon Diamond e del robot Tin – vive un’esperienza dai toni vagamente surreali, distorta dal grandangolo; un viaggio interiore alla maniera dei Tin Woodman“.

Songs For Eternal Lovers fa seguito all’EP d’esordio Metal Sexual Toy Boy del 2017 e al primo album Azkadellia del 2018, entrambi pubblicati da Bello Records. Simon Diamond e Dave The Wave sono sempre stati impegnati in lunghi tour, nei locali più importanti della penisola, anche in apertura a colleghi come Public Service Broadcasting e The Last Internationale, e hanno preparato un completo rinnovo dell’intero live set in cui Tin Woodman, unico robot musicista al mondo, amplierà le sue possibilità con un upgrade di luci e movimenti.

Songs For Eternal Lovers è stato inciso tra l’estate e l’autunno del 2020 presso La Buca Recording Club di Montichiari (BS), una garanzia per il miglior sound analogico in circolazione. L’album è stato registrato e mixato da Simone Piccinelli con il supporto tecnico di Gabriele Ponticiello. La produzione è di Davide Chiari (Centuries Reverb), mentre il mastering è stato curato da Daniele Salodini presso il Woodpecker Mastering di Brescia. L’artwork, infine, è di Nicola Mora.

A Starship partecipa Michele Marelli (Bugo, Pink Holy Days) alla batteria, tra gli esponenti di un parco ospiti che all’interno dell’album contempla anche Roberto Dellera (Afterhours, The Winstons), Chiara Amalia Bernardini (KICK), Wawa Sané, una sezione di ottoni (Dario Acerboni al sax, Luca Bonardi alla tromba e Davide Albrici al trombone) e altri due batteristi (Emanuele Tosoni e Matteo Arici).

La società evolve, o almeno così dovrebbe. Tin Woodman, di sicuro, evolve. Realizzato nel momento più buio della pandemia,  Songs For Eternal Lovers è una lettera d’amore che sprigiona luce e glitter sotto forma di canzoni. “Gli eterni amanti sono i destinatari a cui dedichiamo i nostri brani”.